Scale a Chiocciola e scale elicoidali non sono la stessa cosa.

Non tutti sanno che le scale a chiocciola e le scale elicoidali non sono la stessa cosa. Spesso, infatti, chiamiamo tutte le scale con una forma arrotolata su se stessa “scale a chiocciola”.

Vediamo allora le differenze tra i due modelli di scale.

scala a chiocciola

La scala a chiocciola ha un’origine molto antica. Si attesta la sua presenza già nel Medioevo, periodo nel quale sostituirono le più scomode scale in corda o a pioli per raggiungere la vetta delle torri. Esse possono essere a pianta circolare, ma anche quadrata o rettangolare. La struttura della scala a chiocciola è tanto semplice quanto funzionale: essa infatti si sviluppa attorno ad un montante, che ne costituisce la struttura portante, attorno alla quale si sviluppano i gradini. Il tutto è ulteriormente stabilizzato dalla ringhiera, che conferisce anche una sicurezza maggiore alla scala.

scala elicoidale

La scala elicoidale rappresenta un’evoluzione della più antica scala a chiocciola. Infatti essa, pur mantenendo la stessa forma avvolta su se stessa, non sfrutta il montante centrale, ma una larghezza maggiore rispetto alla scala a chiocciola, che le conferisce una maggiore stabilità anche senza un sostegno centrale.

La scala elicoidale, inoltre, è arricchita anche da un supporto a trave segmentata sotto le scale, oppure direttamente inserito all’interno dei gradini. La scala elicoidale è più ampia e quindi adatta anche a stanze e spazi più grandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *